Studio Crivellari Notaio Padova
Privati - Notaio Padova

Compravendita
La compravendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa o il trasferimento di un altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo; più genericamente si può dire che la compravendita immobiliare è l’accordo formale con il quale una parte, detta venditrice, trasferisce ad un’altra, detta acquirente, la proprietà di un  determinato immobile a fronte del pagamento del prezzo pattuito. La compravendita va distinta, tra l’altro, dalla permuta e dalla divisione. Con la permuta, infatti, si ha il reciproco trasferimento di determinati immobili da un proprietario all’altro: si verifica, in sostanza, uno scambio tra un immobile con un altro, scambio che può tuttavia essere accompagnato anche dalla dazione di una somma di denaro a titolo di conguaglio, allorquando vi sia diversità di valori tra gli immobili permutati. Con la divisione, invece, più soggetti comproprietari di più immobili decidono di assegnarsi in proprietà esclusiva i singoli beni, sciogliendo così la comunione tra essi esistente: non si verifica, quindi alcun passaggio proprietà, ma si assiste soltanto alla concentrazione della propria titolarità su uno specifico immobile (o su una determinata parte di esso). Al pari della permuta, anche nella divisione vi possono essere dei conguagli a carico di alcuni condividenti ed a favore di altri, allo scopo di compensare eventuali disuguaglianze di valori tra i beni assegnati. Il nostro ordinamento giuridico, in considerazione dell’estrema importanza della proprietà immobiliare, non solo esige che l’accordo delle parti rivesta la forma scritta, ma richiede altresì l’osservanza di specifiche regole, la verifica di determinati requisiti e l’adempimento di certe formalità. Proprio per questi motivi e soprattutto al fine di tutelare l’elevato valore degli interessi coinvolti, il compito di curare le compravendite immobiliari è stato affidato al Notaio, nella sua duplice veste di pubblico ufficiale e di esperto professionista in campo giuridico, il quale potrà anche suggerire soluzioni alternative più idonee al raggiungimento del risultato sperato in relazione al singolo caso concreto.

Mutuo
Il mutuo è un contratto con il quale una parte, detta mutuante (di solito una Banca), trasferisce una determinata quantità di denaro a favore dell'altra, detta mutuatario, al fine che quest'ultima possa goderne per un tempo determinato a fronte del pagamento alla prima di un corrispettivo rappresentato da interessi. Il mutuo è generalmente arricchito di svariate clausole, non sempre di immediata comprensione, ma necessarie a regolare tutti i rapporti tra le parti per la durata prevista: modalità di erogazione del mutuo, fissazione dei termini di rimborso del capitale e di pagamento degli interessi, determinazione di altre spese per gli oneri di amministrazione del contratto, disciplina  di estinzione anticipata, prestazione e manutenzione delle garanzie, conseguenze degli inadempimenti relativi (ritardi) e assoluti (mancato pagamento), ecc. I contratti di mutuo sono generalmente predisposti dalle banche; il Notaio se incaricato per tempo dal mutuatario può esercitare su di essi un controllo volto a renderli più chiari e comprensibili, a individuare e suggerire  soluzioni meglio adatte ai contraenti, ad eliminare clausole che possono ingenerare un non giustificato squilibrio contrattuale. Non costituisce una specie particolare, il c.d. mutuo unilaterale, diffuso nella recente prassi. La diversità risiede unicamente nel fatto che a recarsi dal Notaio è solo il mutuatario, al fine di accettare le condizioni già proposte dalla Banca.  

Donazione

La donazione è il solo strumento giuridico di trasmissione a titolo gratuito di beni da parte di un soggetto vivente e si distingue dal testamento che produce effetti solo alla morte del suo autore.
Lo spirito della donazione è il desiderio o l’opportunità di dare qualcosa alle persone a noi legate da affetti o da amicizia. Aiutare i propri figli, anticipare la propria successione, fare un dono ad un amico, ricompensare colui che ti ha reso un servizio, partecipare alla realizzazione di un obiettivo di beneficenza, ecc. Chi desidera tutto questo può farlo attraverso le donazioni.
L'importanza di tale contratto e le conseguenze che ne derivano esigono che questo si debba realizzare rispettando forme particolari. La donazione è, a tutti gli effetti, un atto importante, in quanto comporta il depauperamento del patrimonio di colui che dona (donante) ed il conseguente arricchimento di colui che riceve (donatario o beneficiario). E' pertanto necessario conoscere preliminarmente tutti gli aspetti e le conseguenze, tanto civili che fiscali, di tale atto. L'opportunità di una donazione deve analizzarsi caso per caso, tenendo conto di molteplici aspetti che il nostro Studio potrà aiutarvi a valutare, come ad esempio: il patrimonio del donante, la situazione familiare del medesimo, le implicazioni sulla futura successione dello stesso, gliaspetti fiscalied eventuali vantaggi di un simile atto. Spesso, la scelta per la donazione, rispetto ad un atto a titolo oneroso (cioè con corrispettivo), si farà nell'ambito di un programma successorio globale e tenendo presente i rapporti che intercorrono tra successione a causa di morte e donazione.  

Successione Ereditaria

Attraverso le regole del diritto successorio viene assicurato il passaggio del patrimonio e la continuazione di tutti i rapporti giuridici attivi e passivi dal defunto ai suoi eredi. In questa prospettiva una consapevole visione di come effettuare la trasmissione dei propri beni, soprattutto quando questi consistano in attività complesse e/o legate all'impresa, rispettando ove possibile le naturali inclinazioni dei futuri eredi, può evitare incomprensioni e liti tra di essi, agevolando questo necessario passaggio di consegne tra due generazioni. Pertanto è opportuno avere informazioni precise sugli effetti della successione ereditaria: il nostro Studio offre non solo una consulenza preventiva a chi vuole che la propria successione segua determinate regole, ma anche una consulenza successiva per risolvere i problemi che si presentano ai congiunti a seguito del decesso. Lo Studio Notarile Crivellari offre inoltre una consulenza gratuita sulle prime operazioni da effettuare quando avviene un decesso e, quanto ai profili patrimoniali, sulle regole di devoluzione della successione (le regole, in altri termini, in base alle quali sono individuati gli eredi), con particolare riferimento alla successione legittima (regolata solo dalla legge), e/o alla successione testamentaria (regolata dalla volontà di chi ha lasciato un testamento); si potrà verificare - nel caso concreto - se vi siano dei soggetti (detti legittimari) ai quali la legge riserva in ogni caso una parte dell’eredità, anche in contrasto con la volontà espressa nel testamento. I soggetti coinvolti nella successione dovranno, poi, decidere se procedere alla accettazione o rinunziaall’eredità, ovvero avere informazioni sulla disciplina applicabile in caso di legato: l’attribuzione, in altre parole, di un bene determinato. Non bisogna dimenticare i profili fiscali della successione ereditaria: anche sotto quest’aspetto, il nostro Studio può fornire la consulenza necessaria per affrontare questo tipo di problema. Il Notaio ha poi una specifica competenza per consigliare il miglior modo per redigere un testamento, anche al fine di evitare l’invalidità dello stesso, nonché consigliare gli strumenti offre la legge per regolare la successione ereditaria. A seguito del decesso, il Notaio provvederà infine alla pubblicazione dei testamenti olografi lasciati dal defunto, alla registrazione del testamento pubblico e, in ogni caso, informerà gli eredi sull’operatività concreta delle regole ereditarie applicabili al caso specifico.

Rapporti patrimoniali tra coniugi
Per regolare i rapporti patrimoniali tra i coniugi il nostro ordinamento prevede un regime applicabile a tutte le famiglie nel caso in cui i coniugi non esprimano alcuna volontà specifica; la legge permette peraltro ai coniugi di scegliere un regime diverso sia al momento del matrimonio che successivamente. Il regime patrimoniale legale della famiglia, in mancanza di diversa convenzione, è costituito dalla comunione legale. I coniugi possono stipulare apposita convenzione matrimoniale per scegliere un regime diverso, come ad esempio la separazione dei beni ovvero la comunione convenzionale. Altre regole particolari sono previste per il fondo patrimoniale, con il quale ciascuno o ambedue i coniugi (ma anche un terzo) possono destinare alcuni beni a far fronte ai bisogni della famiglia. Il Notaio vi potrà consigliare ed informare specificamente sui vantaggi e gli svantaggi di ciascuna scelta dei coniugi.  

(tratto da www.notariato.it)